Alitosi: la causa è solitamente nella bocca

Normalmente l'alito non ha odore, quando non è così, va sospettato innanzitutto un problema presente nel cavo orale. Nell'80-85% dei casi il cattivo odore dell'alito (alitosi) è dovuta a patologie di denti e gengive.

In ogni caso, è bene non sottovalutare questo disturbo, apparentemente banale, che può causare ansia e problemi nelle relazioni sociali nelle persone che ne sono affette.

Vediamo quindi i più frequenti tipi di alitosi e la loro possibile gestione

  • Alitosi mattutina: è assolutamente fisiologica. È causata dal ristagno di saliva e di particelle di cibo e cellule epiteliali desquamate nel cavo orale. Evidentemente, in questo caso la soluzione del disturbo viene risolta semplicemente con una comune igiene orale.
  • Alitosi da lingua impaniata: è il classico caso della "lingua bianca", ovvero della patina biancastra che può formarsi sul dorso della lingua, dovuta all'accumulo di batteri, fonte di gas maleodoranti. In questo caso è utile lo spazzolamento abituale del dorso della lingua e l'uso di prodotti ad azione locale (vedi consigli).
  • Alitosi da dentiera: chi porta la dentiera deve essere attento a una corretta igiene della bocca, oltre che ad un'accurata pulizia della dentiera. Possono infatti verificarsi piccole lesioni o aree di maggiore proliferazione batterica.
  • Alitosi da patologie gengivali e dentali: negli spazi gengivali (tra dente e gengiva) o nelle lesioni cariose possono raccogliersi grandi quantità di batteri Gram-negativi, che producono composti volatili di zolfo (VSC, volatile sulphur compounds), che causano il cattivo odore dell'alito. Alcuni prodotti a uso locale sono particolarmente adatti a prevenire i VSC (vedi consigli). È comunque indispensabile la valutazione del dentista.
  • Alitosi da ridotta secrezione salivare: la ridotta o assente produzione di saliva determina un aumento del carico microbico Gram-negativo, che favorisce a sua volta il rilascio di VSC. Questa condizione richiede un approfondimento diagnostico (so-spetta sindrome di Sjogren) e il supporto di prodotti topici.

Il consiglio del farmacista

Come causa di alitosi, considerare anche l'alimentazione, relativa a cibi che rilasciano molecole volatili: aglio, cipolle, condimenti, sottaceti, ravanelli, spezie e il consumo di tabacco e alcol.

Raccomandare sempre un'adeguata igiene orale, evitando fumo, dolci e alcolici, che intensificano l'alitosi.

Proporre prodotti topici (come collutori o gomme da masticare), per esempio a base di zinco e clorexidina, a completamento dell'igiene orale, capaci di contrastare il rilascio nel respiro di composti maleodoranti (VSC).

È inoltre importante consigliare un controllo dal dentista, che potrà effettuare una visita completa.

OK

Il sito farmaciaigea.com utilizza cookie, anche di terzi, per offrire servizi in linea con le tue preferenze e inviarti pubblicità.
Per maggiori informazioni o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Voglio ricevere sconti e promozioni imperdibili via email.