Antistaminici: cosa sono e a cosa servono

02/06/2021 - Pubblicato in Rimedi ai disturbi più comuni, Ultime Novità

Ultime Novità
  • 0

Che cosa sono gli antistaminici 

Gli antistaminici sono dei farmaci che attenuano i sintomi delle reazioni allergiche: quando un soggetto affetto da allergia entra in contatto con degli allergeni, si scatena l’azione dell’istamina, una molecola organica che svolge la funzione di mediatore chimico in fase di infiammazione. Per attenuare la reazione scatenata dal contatto tra soggetto allergico e allergeni, intervengono gli antistaminici, i quali alleviano la reazione allergica, riuscendo a legarsi allo stesso recettore dell’istamina, contrastandone l’effetto, da qui dunque il termine “anti-staminici”. 

Per cosa si assumano gli antistaminici?

L'uso degli antistaminici può  essere utile in diversi casi, che variano al variare dell’allergia da cui si è affetti.

Tra le più comuni troviamo: 

  • Allergia da polline o raffreddore da fieno, che si manifestano durante i cambi stagione;
  • Allergia al pelo degli animali;
  • Punture di insetti;
  • Allergia alla polvere e allergia agli acari
  • Orticaria;
  • Congiuntivite allergica.

Tutti questi tipi di allergia scatenano diverse reazioni, quali:

  • Raffreddori e starnuti ripetuti ;
  • Attacchi di tosse;
  • Prurito alla gola;
  • Congestione nasale;
  • Lacrimazione degli occhi;
  • Sfoghi cutanei seguiti da forte prurito 

Per cosa si assumono gli antistaminici
Prova didascalia

Quando assumere gli antistaminici

E’ bene sottolineare che gli antistaminici non svolgono una funzione di prevenzione nei confronti dell’allergia, ma aiutano a curare la reazione che la stessa comporta. 

In base al tipo di reazione allergica che si manifesta, è indicato uno specifico antistaminico. 

I casi più comuni sono:

  • Reazione allergica da puntura di insetti, in questo caso è bene assumere un antistaminico in forma di crema, che andrà applicato direttamente sulla zona interessata. Nel caso in cui il corpo manifesti più punti di arrossamento, è bene mettere il prodotto su tutta l’area interessata da arrossamento e prurito
  • Reazione allergica dovuta ad una congiuntivite oculare: questo tipo di allergia comporta una copiosa lacrimazione e bruciore degli occhi, in questo caso il prodotto più adatto è sotto forma di collirio in gocce che andrà messo direttamente nell’occhio;
  • Reazione allergica da pollini e fieno: raffreddore, starnuti, tosse e prurito alla gola, sono questi i maggiori sintomi dell’allergia ai pollini. Per questo tipo di reazione, il miglior antistaminico da prendere è sotto forma di compresse. 

Possibili effetti collaterali

I farmaci di ultima generazione sono studiati per non creare effetti collaterali, tuttavia l’assunzione di questi farmaci può provocare alcune reazioni indesiderate, specie se l’uso degli antistaminici si protrae a lungo nel tempo. Tali effetti inoltre variano da farmaco a farmaco, e anche in base all’allergia per la quale si assume l’antistaminico. Tra gli effetti collaterali più comuni troviamo: sonnolenza, nausea, spossatezza, stanchezza, sbalzi d’umore. 

Proprio per questo,  è bene consultare il proprio medico prima di assumere qualunque tipo di farmaco.