Promo Il mio farmacista Quantità

Vitamina C

La vitamina C è una sostanza necessaria per la normale crescita e la salute di cellule e tessuti. Si tratta di un micronutriente, cioè di una molecola richiesta dell'organismo soltanto in piccole quantità, ma che risulta fondamentale per il suo benessere.

Oltre a sciogliersi nell’acqua, la vitamina C è sensibile alle alte temperature, per cui si perde del tutto in caso di cottura in acqua.

La vitamina C partecipa a molte reazioni metaboliche e alla biosintesi di aminoacidi, ormoni e collagene.

Grazie ai suoi forti poteri antiossidanti, la vitamina C innalza le barriere del sistema immunitario e aiuta l’organismo a prevenire il rischio di tumori, soprattutto allo stomaco, inibendo la sintesi di sostanze cancerogene. Il suo apporto, inoltre, è fondamentale per la neutralizzazione dei radicali liberi.

Perché è tanto importante la Vitamina C

L’ Acido Ascorbico noto comunemente come Vitamina C è un nutriente essenziale e idrosolubile.

Vengono definiti essenziali quei nutrienti di cui il nostro organismo necessita ma non è in grado di produrre nella giusta quantità.

Per tale ragione, la necessaria quantità di vitamina C deve essere introdotta mediante una dieta sana ed equilibrata abbinata all’utilizzo degli integratori.

Di quanta Vitamina C abbiamo bisogno?

La Società Italiana di Nutrizione (SINU) indica le seguenti quantità giornaliere  che variano in base a età, sesso, condizione di gravidanza o allattamento:

  • 1-3 anni: 35 milligrammi (mg)
  • 4-6 anni: 45 mg
  • 7-10 anni: 60 mg
  • 11-14 anni: maschi 90 mg; femmine 80 mg
  • 15 e più: maschi 105 mg; femmine 85 mg
  • gravidanza: 100 mg
  • allattamento: 130 mg

Proprietà della vitamina C

La vitamina C contribuisce:

  • alla normale funzione del sistema nervoso e del sistema immunitario anche durante e dopo uno sforzo fisico intenso; 
  • alla normale formazione del collagene per il mantenimento dei vasi sanguigni, delle ossa, delle cartilagini, della pelle, dei denti e delle gengive in salute;
  • alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento;
  • alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo
  • all’assorbimento del ferro.

La vitamina C viene utilizzata anche in ambito cosmetico come antiossidante e generatore di collagene in prodotti anti-aging e depigmentanti.

Dove troviamo la Vitamina C?

Soprattutto nella frutta e nella verdura: diverse varietà ne sono ricche: 

  • broccoli
  • kiwi
  • arance e agrumi 
  • peperoni
  • pomodori
  • ribes nero
  • cavoli
  • cavoletti di Bruxelles
  • spinaci
  • patate
  • fragole

Quando non si riesce tramite la dieta a coprire il fabbisogno, si può fare ricorso a specifici integratori di Vitamina C.

Assumere integratori a base di vitamina C:

•può ridurre i sintomi del raffreddore nella durata e intensità; 

•in combinazione con altre vitamine e minerali serve nella prevenzione della degenerazione maculare legata all’età, della cataratta e di alcune forme tumorali.

Generalmente è possibile trovare gli integratori di Vitamina C nelle seguenti formulazioni: capsule oppure compresse effervescenti o masticabili.

Cosa può causare una carenza di vitamina C?

E’ importante sapere che una dieta povera di vitamina C può causare perdita di peso, dolori muscolari e articolari, stanchezza, debolezza e irritabilità.

In caso di grave carenza di vitamina C si può manifestare lo scorbuto: una malattia diffusa in tempi passati ad oggi piuttosto rara, caratterizzata da apatia, anemia e inappetenza, sanguinamento delle gengive, caduta dei denti, dolori muscolari, emorragie sottocutanee e scarsa guarigione delle ferite.

Alcuni tipi di tumore e di patologie gastrointestinali potrebbero causare carenza di vitamina C.

La carenza di vitamina C si può prevenire consumando le giuste quantità di frutta e verdura fresche; la cottura può comportare, infatti, la perdita di buona parte della vitamina C presente negli alimenti.

In gravidanza, allattamento, durante l’influenza o una diarrea, dopo interventi chirurgici e per i fumatori aumenta il bisogno di vitamina C e bisogna ricorrere agli integratori.

Cosa può causare un eccesso di vitamina C?

Ecco alcuni dei più comuni effetti indesiderati causati da un eccesso di vitamina C:

  • diarrea
  • flatulenza
  • nausea
  • vomito
  • bruciore di stomaco
  • infiammazione dell'esofago, causata da reflusso gastrico (esofagite)
  • crampi allo stomaco
  • sensazione di fatica
  • mal di testa
  • sonnolenza
  • insonnia
  • arrossamento della pelle
  • calcoli renali

L'uso a lungo termine di integratori orali di vitamina C in quantità superiore ai 2 grammi al giorno aumenta il rischio di effetti indesiderati significativi.

I disturbi (sintomi) dovrebbero scomparire interrompendo l'assunzione degli integratori di vitamina C.

Interazioni con farmaci

Prendere integratori di vitamina C potrebbe causare interazioni con:

  • alluminio: aumentando l'assorbimento dell’alluminio contenuto nei farmaci, dannoso per le persone con problemi renali
  • chemioterapia: riducendo l’effetto dei farmaci
  • contraccettivi orali o terapia ormonale sostitutiva: aumentando i livelli di estrogeni
  • inibitori delle proteasi: riducendo l'effetto di questi farmaci antivirali
  • statine e niacina: riducendo l'effetto della niacina (vitamina B3) che viene somministrata alle persone con colesterolo alto
  • warfarin: riducendo la risposta dell’organismo a questo farmaco anticoagulante

Ritorna all'elenco