Promo Il mio farmacista Quantità

Resveratrolo

foto Resveratrolo

Il resveratrolo è una molecola di origine vegetale presente nell'uva, nei mirtilli, nei lamponi, conosciuta per la sua azione antinfiammatoria e antivirale. Viene usato principalmente come rimedio anti-età e viene definita – non senza enfasi – la molecola dell’eterna giovinezza.  Poiché il resveratrolo si concentra in modo particolare nella buccia e nei semi dell'uva nera, questa molecola è presente in quantità elevate nel vino rosso.

Proprietà

L’azione benefica del resveratrolo è emersa proprio studiando le popolazioni che consumano abitualmente vino rosso. All’inizio degli anni Novanta, infatti, un ricercatore dell’Università di Bordeax – Serge Renaud – confrontò la dieta della popolazione francese e di quella americana e la diversa incidenza di malattie cardiovascolari tra le due popolazioni. Grazie alle sue osservazioni Renaud scoprì che, sebbene i francesi consumassero grandi quantità di formaggio e dunque avessero un elevato apporto dietetico di grassi saturi, erano meno soggetti a sviluppare malattie cardiovascolari rispetto ad altre popolazioni con una dieta simile.

Il resveratrolo risulta essere utile dunque:

  •  per combattere le infiammazioni 
  •  prevenire e rallentare la diffusione dei tumori 
  • migliorare il sistema cardiovascolare
  • rafforzare il sistema immunitario.
  • stimolare la produzione di collagene e lottare contro i segni dell’invecchiamento.

 Uso cosmetico

Nei cosmetici il resveratrolo è usato soprattutto in creme e sieri antiage e ha diverse proprietà interessanti: antiossidanti, anallergiche e antinfiammatorie. Applicato direttamente sulla pelle sembra infatti efficace per rallentare l'invecchiamento della pelle che può essere strettamente correlato al grado di esposizione alle radiazioni UV generate dal sole o ai danni provocati dall’inquinamento. Inoltre, antiossidanti come il resveratrolo possono aiutare a rafforzare l'azione "barriera" difensiva naturale della pelle, proteggendola dall'attacco di microorganismi dannosi.

Il resveratrolo potrebbe giocare un ruolo importante anche nel ridurre il rossore cutaneo, generato dall'acne: questa capacità sembra essere correlata alle proprietà calmanti e anti-infiammatorie della sostanza.

Il resveratrolo trova largo impiego anche come antirughe: è efficace per illuminare la pelle, e uniformarla, agendo come sostanza contro le macchie. 

Creme e Sieri Viso

Sono molte le creme e i sieri viso in commercio arricchiti con il resveratrolo. Grazie al loro utilizzo è possibile migliorare l'aspetto della pelle, illuminarla e combattere alcuni inestetismi causati dall'invecchiamento cutaneo. In particolare, risultano utili per il trattamento di:

  • rughe
  • segni e solchi
  • disidratazione
  • perdita di densità
  • perdita di lucentezza

Le creme viso possono essere applicate un paio di volte al giorno, dopo la pulizia del viso e dopo la tonificazione.

Il siero viso può essere invece applicato dopo la detersione della pelle e prima della crema. L’azione sarà ancora più efficace se applicato prima del riposo notturno.

Gli Integratori

Per ricorrere a un supplemento di questa molecola la soluzione migliore è quella di assumere degli integratori, dietro consiglio di un medico che dovrebbe stabilirne anche le dosi. 

Solitamente, negli integratori antiossidanti, il resveratrolo non rappresenta l'unica molecola funzionale; infatti, viene spesso associato ad altri ingredienti attivi per massimizzare l'azione.

Gli integratori di resveratrolo possono essere disponibili in più formati:

  • capsule
  • compresse
  • polvere
  • integratore pronto da bere

Quando assumerlo?

Sotto forma di integratore alimentare, si consiglia di deglutire le capsule di resveratrolo a colazione o meglio a digiuno, evitando l'assunzione concomitante a pasti ricchi di grassi, che potrebbero dimezzarne la biodisponibilità

Effetti collaterali

Non sono noti effetti collaterali gravi anche in caso di assunzioni di dosi importanti di resveratrolo. Non va comunque assunto mai in gravidanza e durante l'allattamento. Inoltre è possibile interazione con l'assunzione di alcuni farmaci fluidificanti come il warfarin o con altri farmaci anti-infiammatori come l'aspirina e ibuprofene

Ritorna all'elenco